Now Reading
Dodici Stelle 9|12

Dodici Stelle 9|12

Avatar
Fabio M. Bodi op, Canto serale della “Salve Regina”, 2020.
Canto serale della “Salve Regina”

La tremenda vessazione di fra Bernardo, fu la causa principale che ci spinse a istituire a Bologna il canto dell’antifona Salve Regina, dopo Compieta. Da questa casa l’uso si estese a tutta la Provincia di Lombardia e infine la pia e salutare usanza si affermò in tutto l’Ordine. A quanti, questa santa lode della veneranda Madre di Cristo fece versare lacrime di devozione! Quante volte essa commosse gli affetti di chi l’ascoltava e di chi la cantava, intenerendo la durezza dei loro cuori e infiammandoli di santo ardore! O non crediamo che la Madre del nostro Redentore si diletti di tali lodi, si commuova per tali preghiera? Mi riferì un uomo religioso e degno di fede di aver visto spesso in visione, al momento in cui i frati cantavano Eia ergo advocata nostra, la Madre del Signore in persona nell’atto di inginocchiarsi davanti a suo Figlio, per impetrare da lui la conservazione di tutto l’Ordine. E anche questo fatto venga ricordato, affinché la devozione dei frati che lo leggeranno s’infiammi sempre più nella lode della Vergine.

Giordano di Sassonia, Libellus n.120

Avvocata nostra
Probabilmente, l’antica antifona della Salve Regina è una preghiera più utilizzate per rivolgerci a Maria Santissima. Nel recitarla o cantarla spesso però non badiamo molte alle sue parole; in particolare quando ci rivogliamo a Maria come “avvocata nostra”.Ma cosa significa che Maria è nostra avvocata? Nel Regno di Dio, siamo forse in un tribunale? C’è chi accusa e chi difende? Sappiamo che nel regno degli uomini l’avvocato, a volte, è indispensabile. In caso di possibili querelle, quello della difesa ha il compito di provare la nostra innocenza o quanto meno avvalorare le circostanze attenuanti. Ma in cielo? La preghiera in realtà rimanda all’esperienza della Vergine. 
Anche Lei, piena di grazia, ha conosciuto il potere dello Spirito vivendo in sé stessa la forza della giustificazione. Chi giustifica è lo Spirito! Così, chi è stato giustificato sa giustificare. E allora … chi più di Lei? 
Associata in maniera particolare all’opera della giustificazione, Maria continua ogni giorno ad intercedere per noi. Lei è come il contadino che difronte al comando del padrone di tagliare il fico sterile intercede dicendo: “lascialo finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire” (Lc, 13,8).
Siamo tutti siamo invitati a guardare a Maria Santissima perché, come afferma San Bernardo, «se Lei ti è propizia raggiungi la mèta».

Preghiamo. Madre amatissima, fa’ crescere nel mondo il senso di appartenenza ad un’unica grande famiglia, nella consapevolezza del legame che tutti unisce, perché con spirito fraterno e solidale veniamo in aiuto alle tante povertà e situazioni di miseria. Incoraggia la fermezza nella fede, la perseveranza nel servire, la costanza nel pregare.

error: Il contenuto è protetto!