Now Reading
Salve Regina – Il Re e sua Madre

Salve Regina – Il Re e sua Madre

fr. Sergio Catalano op

Guarda con bontà, Signore, il tuo popolo,
che nel porre il diadema regale 
all’immagine della Madre del Cristo tuo Figlio,  
riconosce il Signore Gesù re dell’universo
e acclama regina la Vergine Maria.

dal Rito dell’Incoronazione

Giovedì, 1 ottobre, esporremo alla venerazione dei fedeli il Simulacro restaurato di Maria Santissima Regina del santo rosario. Prima della liturgia eucaristica, imporremo alla Vergine e al Bambino le corone simbolo di regalità. L’incoronazione è un atto liturgico con il quale rendiamo omaggio al Re e sua madre. Ma di quale regalità parliamo? A quale regalità rimandano le due corone?

Gesù fu riconosciuto come re ma un re insolito. Il trono dal quale dimostrò la sua regalità fu una croce sulla quale vi era un’iscrizione: re dei giudei (Gv 19, 20). Per quanto avesse parlato del Regno di Dio e della sua regalità, pochi ne avevano colto la natura. Una cosa fu chiara: il Suo regno non era di questo mondo. Chiunque voleva far parte dei primi ranghi, doveva considerarsi ultimo. Chiunque voleva regnare con Lui, doveva servire come Lui.

Maria – vivendo lo spirito del Figlio -, partecipò a questa regalità attraverso tre atteggiamenti. Innanzitutto con l’autorità dell’esperienza. Chi più di Lei aveva conosciuto la potenza dell’Altissimo? Secondariamente, con l’autorità della verità. Chi più di Lei sapeva chi fosse Gesù? Infine con l’autorità del governo. Lei che dalla croce dovette farsi prima di una moltitudine, tenendo insieme la comunità. Ecco perché noi continuiamo a chiamarla Regina.

Gloriosa regina del mondo,
Maria, sempre vergine,
tu che hai generato Cristo Signore, 
salvatore di tutti gli uomini, 
intercedi per la nostra pace e salvezza.

error: Il contenuto è protetto!